Consulenza in sicurezza informatica: quali sono le novità del mercato 2021

Categorie: Cyber Security
22 Aprile 2021

Il 2021 è un anno caratterizzato da dinamiche che mai il mondo intero – e quindi anche quello della cyber security – ha dovuto affrontare prima. Ed è per questa situazione totalmente inedita che la consulenza in sicurezza informatica riveste, ora più che mai, un ruolo primario nella protezione di asset che le aziende vedono attaccati su più livelli.  

Di conseguenza, la stessa proposta in fatto di consulenza in sicurezza informatica deve svilupparsi su diversi piani, seguendo quelli che sono i trend del mercato e valutando le novità del 2021. 

Parola d’ordine: lavoro da remoto 

La prima e più importante novità è il passaggio alle tecnologie in remoto. Spesso si pone l’accento su quelle che consentono di svolgere le normali mansioni d’ufficio in smart working, ma anche il settore della sicurezza ha abbracciato il lavoro da remoto.  

Oggi, di fatto, è possibile gestire buona parte delle attività IT, incluse quelle di sicurezza, online e a distanza, a patto ovviamente di sfruttare servizi e prodotti che consentano di farlo in modo organico, completo e senza aggiungere vulnerabilità a quelle già eventualmente esistenti.  

Va da sé che si tratta di un processo difficile da adottare in tempi brevi per un’azienda non preparata. È per questo che è bene puntare su chi già offre servizi IT e security da remoto o, per lo meno, su piattaforme che agevolino il processo. 

Il passaggio al cloud 

Figlia di questo trend del 2021 è l’adozione ormai massiva del cloud, strumento prezioso anche nella consulenza in sicurezza informatica. Una soluzione cloud, specie nel campo della sicurezza, offre innumerevoli vantaggi. Per esempio, nella maggior parte dei casi, non serve recarsi fisicamente nella sede del cliente.  

Molti servizi richiedono solo degli indirizzi IP o, al più, l’installazione di un agent. A quel punto si può gestire qualsiasi tipo di operazione da remoto. È un paradigma piuttosto nuovo, nel campo IT, ma che nel 2021 sta conoscendo il successo che merita.  

La sicurezza in cloud 

Tra gli utilizzi IT del cloud più convincenti ed efficaci ci sono i servizi dedicati proprio alla sicurezza. Parliamo di piattaforme dedicate non solo alla gestione, ma anche al test di infrastrutture. Strumenti che fino a poco tempo fa dovevano essere installati e gestiti on-site, con grande difficoltà e che oggi, invece, richiedono solo un accesso a Internet e i target da controllare.  

È grazie a piattaforme come queste che la consulenza in sicurezza informatica mostra nuove prospettive, sia in termini di fidelizzazione dei clienti già a portafoglio, sia in quelli di acquisizione di nuovi clienti, invogliati da un approccio meno intrusivo alla realtà aziendale. Nuove prospettive arrivano dalle piattaforme di vulnerability assessment che offrono strumenti di controllo esterno e interno, strumenti di threat intelligence, cyber reputation e controllo da remoto dei dispositivi aziendali utilizzati per lo smart working. 

Consulenza sicurezza informatica, l’importanza dell’awareness 

Altro grande trend del 2021 nella consulenza alla sicurezza informatica è l’awareness in merito alla cyber-security. Considerando che più del 90% degli attacchi informatici prevede l’utilizzo di tecniche di social engineering, è chiaro che per garantire la miglior difesa a un’azienda occorre puntare a un’adeguata formazione del personale. 

Una formazione da svolgere tramite docenti qualificati e sfruttando il giusto mix di nozioni teoriche e dimostrazioni pratiche.  

L’awareness, nel campo della consulenza in sicurezza informatica, rappresenta uno dei pilastri per una corretta strategia difensiva e consente di affrontare, con efficacia, la lotta alle varie tipologie di phishing e truffe informatiche, ma anche ad affrontare le relative conseguenze degli attacchi come nei ransomware.