Cyber resilience: perché offrirla con una piattaforma as a service

Categorie: Cyber Security
15 Giugno 2021

È la capacità di un’organizzazione di prevedere il rischio, di rispondere alla minaccia e di ripristinare l’ecosistema. È la cyber resilienceuna sfida per le aziende, ma anche un obiettivo non più rimandabile. In questo momento storico, in cui la pandemia ha dato vita a un mondo iperconnesso e ha spinto ulteriormente la trasformazione digitale, le aziende sono sempre più esposte ad attacchi informatici.  

Essere in grado di prevenire e mitigare il cyber rischio è la chiave della sicurezza di un’azienda in questo delicato contesto. E una piattaforma Cyber Resilience as a service favorisce non solo la tutela, ma anche l’evoluzione. Vediamo come.  

Cyber Resilience, cosa è? 

Per rispondere a questa domanda è bene partire da un concetto molto più ampio, quello di Enterprise Resilience, cioè la capacità di un’azienda di affrontare rischi strategico-finanziari, operativi e informatici in modo da assicurare la business continuity, l’evoluzione, la redditività e la modernizzazione dell’impresa. 

Nel corso della pandemia, questi aspetti sono stati messi a rischio: il ricorso al remote working, con l’estensione del perimetro aziendale, ha esposto le imprese a nuove minacce digitali. I pirati informatici, sempre più pericolosi, grazie all’evoluzione tecnologica e a una preparazione sempre più approfondita, hanno trovato terreno fertile. 

È fondamentale, dunque, per le aziende prevenire, intercettare e gestire eventuali attacchi informatici. Come? Attraverso l’implementazione della cyber resilience, cioè la capacità di un’organizzazione di rispondere alle minacce informatiche e respingerle, ripristinando l’ecosistema ed evitando brusche interruzione di operatività. 

Secondo la definizione del National Institute of Standards and Technology (NIST) statunitense è la “capacità di anticipare, resistere, superare e adattarsi, in presenza di condizioni avverse, ad attacchi e compromissione di sistemi legati alle risorse informatiche”. 

In che modo supportare la cyber resilience? 

La cyber resilience è un processo che non si interrompe mai e che coinvolge l’organizzazione tutta. È un insieme di azione volte a creare un efficace sistema di difesa dal pericolo informatico, le cui principali azioni si possono riassumere in: proteggere, rilevare ed evolvere.   

  1. Proteggere 

Tra le principali azioni di una strategia di cyber resilience c’è la protezione di sistemi, applicazioni e dati. È necessario, quindi, verificare l’autorizzazione degli accessi ai sistemi gestendo l’identità e le operazioni. Inoltre, bisogna essere in grado di rilevare le vulnerabilità e i punti deboli oltre che assicurare la privacy a tutti i dati utilizzando livelli alti di sicurezza. 

  1. Rilevare 

La seconda parte della strategia è il rilevare eventuali minacce o intrusioni. Questo processo richiede elevate competenze e tecnologie poiché gli attacchi più sofisticati possono essere difficili da intercettare. Secondo uno studio della IBM del 2020, il ritardo medio nel rilevamento e nel contenimento delle violazioni è di 280 giorniil fattore tempo è cruciale per contenere i danni.  

  1. Evolvere 

Una componente essenziale della cyber resilience è la capacità di adattamento e di evoluzione della propria sicurezza per stare al passo con le infinite minacce possibili. Per progredire, un’azienda deve saper distribuire e integrare rapidamente nuovi servizi e integrarne di esistenti, sia in locale sia in cloud.  

Piattaforme di cyber resilience 

Come difendere l’azienda, come farsi trovare preparati, respingendo e gestendo un attacco? La soluzione può essere una piattaforma as a service. Questa, infatti, assicura un vantaggio notevole poiché integrata in una serie di sistemi di analisi, risposta e resilienza.  

Una piattaforma di cyber resilience è in grado di utilizzare tecniche di AI (Artificial Intelligence) e ML (Machine Learning) che contribuiscono nella gestione dei dati. 

Le piattaforme di cyber resilience, inoltre, sono in grado di identificare, tracciare e apprendere minacce attraverso l’analisi del comportamento e dei modelli con l’apprendimento automatico.  

L’intelligenza artificiale, e le relazioni connesse, saranno in grado di strutturare una “cultura” resiliente e di adattarsi alle esigenze dell’azienda accompagnandola durante l’evoluzione e l’espansione.